Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Inkheart, la leggenda di cuore d'inchiostro

Pubblicato su da Lucia Collo

Inkheart, la leggenda di cuore d'inchiostro

Buongiorno carissimi,

dopo il profumo di recensione di una magnifica antologia, vorrei iniziare la discussione di oggi con un film probabilmente non famosissimo ma che trae origine da un bestseller di Cornelia Funke "Cuore d'inchisotro".

Il film in questione si chiama "Inkheart, la leggenda di cuore d'inchiostro".

Inkheart - La leggenda di cuore d'inchiostro (Inkheart) è un film del 2008 diretto da Iain Softley.

Prodotto dalla New Line Cinema e con protagonista Brendan Fraser, il film è basato sul libro Cuore d'inchiostro, scritto da Cornelia Funke.

TRAMA tratta da wikipedia

Mortimer "Mo" Folchart è un rilegatore di libri. Una notte, leggendo un libro fantasy intitolato Inkheart, sua moglie Resa scompare misteriosamente. Nove anni dopo, Mo vive con la figlia dodicenne Meggie, passando la maggior parte del suo tempo alla ricerca di volumi antichi da restaurare. Il ricordo di Theresa è ancora presente in lui, ma da quando sua moglie è scomparsa non ha più letto nulla ad alta voce, conscio di essere un "Lingua di Fata", ossia di poter trasportare sulla Terra i personaggi dei libri. È un dono pericoloso, perché ogni volta che il personaggio di un libro arriva nel mondo reale, una persona reale prende il suo posto nelle pagine del libro, come successe alla moglie. In una vecchia libreria, Mo trova una copia di Inkheart e subito viene avvicinato da Dita di Polvere, personaggio che lui stesso ha portato fuori dal libro, il quale lo avverte che il malvagio Capricorno, i suoi scagnozzi sono sulle sue tracce. Con quella copia del libro in mano, Mo è deciso a ritrovare Resa e, che lo voglia o meno, Meggie farà di tutto per aiutarlo.


CURIOSITA'

Il film è prodotto dalla New Line Cinema, che aveva ottenuto un grande successo con la trilogia de Il Signore degli Anelli. L'idea di una riduzione cinematografica del suo romanzo piacque subito a Cornelia Funke, ma per diversi motivi la produzione avanzò molto lentamente.

La pellicola è stata quasi totalmente girata in Italia nella zona del Ponente Ligure, soprattutto in Provincia di Savona, in particolare le città interessate dalle riprese sono state: principalmente Laigueglia, Albenga, Balestrino e Alassio, a Realdo, in alta Valle Argentina, e a Fanghetto, comune di Olivetta San Michele nella Provincia di Imperia, nonché alcune località di montagna come Entracque (CN), trasformate per l'occasione in splendidi paesaggi innevati artificialmente.

Inizialmente annunciati, i sequel del film, tratti dai due romanzi successivi, Inkspell (Veleno d'inchiostro) e Inkdeath (Alba d'inchiostro), sono stati messi in stand-by, visto il non soddisfacente risultato ottenuto al botteghino

PROFUMO DI RECENSIONE

A mio modestissimo parere è un film ni perchè il tema trattato è magnifico, eppure è come se mancasse qualcosa. Mi attrae molto l'idea e l'invenzione delle lingue di fata: cioè di coloro che leggendo danno vita ai personaggi( forse un fantasia ricorrente di tantissimi lettori.) ma si risolve tutto troppo facilmente.

La moglie e mamma che viene risucchiata nel romanzo liberando un uomo brutale al suo posto. Una zia eccentrica che ha fatto della sua casa un mausoleo di testi antichi.

Un mangiafuoco che vorrebbe tornare dalla sue figlie.

Personaggi e oggetti di diversi pubblicazioni.

Tanti sono gli spunti, le idee ma la storia in sè credo non sia stata costruita benissimo, almeno nel film.

Ad ogni modo mi piacerebbe molto leggerne il libro da cui è stato ispirato per trarne magari maggiori dettagli.

Dalla pellicola possiamo trarre moltissimi spuntdi riflessione per discutere.

Mi piace molto del film sia l'attaccamento alla famiglia del protagonista che imperterrito cerca di ritrovare sua moglie, sia l'attaccamento dell'autore del libro al mondo da lui creato( che nel finale del film chiede alla lingua di fata di essere trasportato lì).

Apprezzo l'importanza e la bellezza che si percepisce nei riguardi dei libri e il ruolo fondamentale che danno alla nostra vita però non mi viene facile credere che uomini di altre culture ed epoche si addattino così facilmente al nostro tempo.

Insomma anche se non proprio un capolavoro e con alcune imprecisioni e inesattezze secondo me merita una visione anche solo per entrare in un mondo magico ( quello dei libri) per un paio di ore.

PROTAGONISTA

Brendan Fraser Biografia tratto da wikipedia

Figlio di un funzionario del servizio estero dell'ufficio del turismo del governo canadese, durante tutta l'infanzia e la gioventù Brendan Fraser si trasferì spesso con la famiglia al seguito del padre. Ha vissuto a Detroit, Seattle, Ottawa ed anche in Europa, prima in Olanda e successivamente in Svizzera. La prima performance teatrale professionale di Fraser ebbe luogo in un teatro del West End di Londra.

Iniziò a recitare all'Upper Canada College di Toronto, per poi concludere gli studi di drammaturgia al Cornish College of the Arts di Seattle. Dopo aver preso in considerazione l'idea di continuare gli studi in Texas si fermò a Hollywood per poi decidere di rimanervi. Dopo aver recitato in un paio di film per la televisione, esordisce sul grande schermo nel 1991 con Dogfight: Una storia d'amore.

Grazie al bell'aspetto ed alle grandi doti, Fraser si dimostra il protagonista ideale di film come Scuola d'onore (1992), Il mio amico scongelato (1992), Un pezzo da 20 (1993), 110 e lode (1994), Airheads - Una band da lanciare (1994) e Scambio di identità (1996).

Nel 1997 ottiene grande popolarità come protagonista di un clamoroso successo commerciale, il film della Disney George re della giungla...?, versione live action di un popolare cartoon statunitense.

Il successo lancia la carriera di Fraser; nel 1998 rivela inaspettate capacità interpretative nel crepuscolare Demoni e dei, e l'anno successivo entra a tutti gli effetti nell'Olimpo dei divi di Hollywood grazie all'interpretazione del fortunato kolossal La mummia. Sempre nel 1999 è protagonista nel film Blast from the Past - Sbucato dal Passato (1999).

Seguono altre pellicole dello stesso genere, alcune tratte ancora da serie di cartoni animati, come Dudley Do-Right (1999) e Monkeybone (2001), nel quale interagisce con cartoon di vario genere. A queste si aggiungono Indiavolato (2000), remake di un film degli anni sessanta e il sequel La mummia - Il ritorno (2001).

Tra il 2002 ed il 2004 partecipa come guest star in tre puntate (1x22, 1x23, 3x14) della fortunata serie televisiva medico/comica Scrubs.

Nel 2003 torna ad interagire con personaggi del mondo dell'animazione in Looney Tunes: Back in Action, mentre nel 2004 dimostra ancora una volta di poter interpretare benissimo ruoli drammatici in Crash - Contatto fisico.

Durante il 2008 recita nel film Inkheart - La leggenda di cuore d'inchiostro, Viaggio al centro della terra 3D e ritorna nei panni di Rick O'Connell nel terzo film de La mummia, La mummia - La tomba dell'Imperatore Dragone.

Il mio profumo di recensione finisce qui fatemi sapere le vostre impressioni, le vostre critiche e recensioni.

Vi aspetto.

Grazie a tutti alla prossima.

Inkheart, la leggenda di cuore d'inchiostro

Commenta il post

giusy 01/15/2014 10:33

ma sai che ricordo il film ma non l'ho mai visto??! leggendo la trama e le tue considerazioni mi piacerebbe vederlo ora insieme a mia figlia di 6 anni...che dici sarà adatto? lei ama tutti i mondo fatati!!!!
certamente dal libro troverai la trama molto piu' interessante.....come sempre i film tolgono molti particolari ma soprattutto a mio parere non riescono a creare l'atmosfera che si instaura mentre si legge un buon libro.....io mi estraneo completamente da tutto e tutti e mi calo nei personaggi...mentre durante la proiezione dei film molto spesso i suoi o le canzoni mi distraggono parecchio.
Un bacio

giusy 01/15/2014 12:51

grazie cara....allora lo cerco *-*

Lucia Collo 01/15/2014 11:29

Ciao Giusy penso che tua figlia potrebbe benissimo vederlo. I miei bimbi sono più piccoli e l'hanno visto insieme a noi. C'è qualche spezzone diciamo un pò più forte ma niente di che anzi credo che la tua bimba possa immedesimarsi nella figlia del protagonista e sognare di salvare la sua famiglia proprio come fa lei. In ogni caso fammi sapere

rosy 01/14/2014 23:45

di solito quando leggo un libro evito di vedere poi un film che ne parli perchè so già che sarebbe poco attinente a quanto ho letto, quando però ancora non ho letto un libro mi innamoro del film e dei personaggi, il film che hai presentato lo vedrò sicuramente..... o leggerò il libro????? Vedremo!!

Paola 01/14/2014 23:41

Se prende ispirazione da un bestseller non può che essere un buon film. Leggendo il tuo profumo di recensione percepisco però una punta di delusione nella storia. Purtroppo succede spesso che un film renda meno che un libro. Ad ogni modo mi sento di dargli una chance! Voglio guardarlo.

Lucia Collo 01/15/2014 11:30

Rebecca mi dispiace dovresti invece vederlo per poter decidere fammi sapere

Rebecca Marco 01/14/2014 23:37

Un film che non conoscevo! Devo ammettere però che il nome m'intriga molto, anche se leggendo la tua recensione il mio entusiasmo si è un po spento. Ora solo per curiosità voglio guardarlo. Ti farò sapere cosa ne penso ;)

anna santese 01/14/2014 22:59

conosco bene questa storia...a me è piaciuta moltissimo, l'ho trovata molto originale e divertente.

Lucia Collo 01/15/2014 11:29

Divertente? Ma ... non l'avrei mai detto ma mi piace la tua condivisone grazie.