Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Una giornata nell'antica Roma

Pubblicato su da Lucia Collo

Una giornata nell'antica Roma

Buongiorno carissimi,

sono qui per iniziare con voi una bella discussione su un libro particolare che mi ha colpito subito.

Una giornata nell'antica Roma.

Beh sono sincera a primo impatto l'ho acquistato spinta dalla curiosità verso il suo autore Alberto Angela che stimo particolarmente e per l'amore per la civiltà romana che come una mamma ci accompagna ancora oggi.

Trama tratta da wikipedia

Una giornata nell'antica Roma, sottotitolato Vita quotidiana, segreti e curiosità, è un saggio scritto da Alberto Angela nel 2007. Ideato per essere un long seller, ha avuto un enorme successo diventando un best seller. Il libro è strutturato in 49 capitoli (più l'introduzione), ciascuno focalizzato su un particolare momento della vita quotidiana degli antichi romani (patrizi, plebei, schiavi o liberti) ai tempi del Principato di Traiano, cioè nel periodo di massimo splendore dell'Impero. Non mancano inoltre diverse sezioni di approfondimento ai capitoli, chiamate Curiosità. Il naturale proseguimento si ha con il libro Impero. Viaggio nell'Impero di Roma seguendo una moneta.

ALBERTO ANGELA tratto da wikipedia

Alberto Angela (Parigi, 8 aprile 1962) è un paleontologo, divulgatore scientifico, scrittore e giornalista italiano.

Formazione e attività di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Nato a Parigi nel 1962. Figlio del noto divulgatore scientifico Piero Angela e di Margherita Pastore[1], accompagnò spesso il padre nei suoi viaggi sin da bambino, apprendendo altre lingue. Dopo essersi diplomato in Francia si iscrisse al corso di Scienze Naturali all'università La Sapienza di Roma, laureandosi infine con 110 e lode ed un premio per la tesi, poi pubblicata[2]. Continuò gli studi frequentando diversi corsi di specializzazione in università americane (Harvard, Columbia University, UCLA), approfondendo la paleontologia e la paleoantropologia. Sposato con Monica, ha tre figli: Riccardo, Edoardo e Alessandro.

Per oltre 10 anni, ha svolto attività di scavo e di ricerca sul campo partecipando a spedizioni internazionali alla ricerca dei resti fossili di antenati dell’uomo (paleoantropologia) nella Repubblica Democratica del Congo (Ishango) nel 1983 e nel 1984; in Tanzania (Olduvai e Laetoli[3]) nel 1986, 1987 e 1988; nel Sultanato dell’Oman nell' '89, in Etiopia (valle dell’Awash) e in Mongolia nel deserto del Gobi, alla ricerca anche di resti di dinosauri e di mammiferi primitivi, nel 1991.

Nel 1986 ha partecipato alla spedizione e allo scavo nella Gola di Olduvai, che hanno portato alla scoperta dei resti fossili di un ominide vissuto 1,8 milioni di anni fa (OH62): una forma molto arcaica del genere Homo, con un’anatomia che suggerirebbe l’abitudine di salire ancora sugli alberi. Nel 1991, in Etiopia, durante una spedizione internazionale alla ricerca di fossili di uomini preistorici, la colonna di fuoristrada di ricercatori nella quale si trovava, alla guida di un mezzo, è caduta in un’imboscata tesa da tribù bellicose (Issa) con sparatoria dalla quale è uscito illeso[4].

Attività di divulgazione scientifica

Alberto Angela nel 2013.

Alla propria attività di studioso ha fatto seguito la professione per la quale è più noto, quella di divulgatore scientifico, in particolare attraverso la televisione. Ha realizzato in questo settore riprese e servizi in tutti i continenti, su siti archeologici e paleontologici, centri di ricerca, santuari naturalistici e anche su etnie e culture in via di estinzione come Wairuru (Ande Peruviane), Hmong e Dao Rossi (confini Vietnam e Cina), Hazda (Tanzania meridionale), Boscimani (Namibia) e Pigmei (Congo).

La televisione

Per quanto in questo abbia seguito le orme del padre, gli esordi sono stati fortunosi: ha infatti cominciato a lavorare come conduttore per la Televisione Svizzera Italiana (RTSI) dopo essersi fatto notare per la sua comunicatività in seguito ad un'intervista da lui rilasciata[5]. Nel 1990, infatti, per questa emittente ha ideato, scritto e condotto in studio il programma Albatros, una serie di 12 puntate di divulgazione scientifica. La serie è stata riproposta in Italia da Telemontecarlo, segnando così il suo esordio italiano.

Nell'ambito dei programmi televisivi, come autore, ha tuttavia iniziato nel 1989, partecipando alla realizzazione di due documentari per la Rai, nelle savane del Serengeti: Una giornata di 2 milioni di anni fa e Leopardo. Ha poi ideato e scritto assieme al padre Il pianeta dei dinosauri, trasmesso da Rai 1 nel 1993, per il quale ha realizzato tutti i suoi interventi[senza fonte] sui siti paleontologici più importanti di vari continenti anche in francese ed in inglese, per le vendite all’estero del programma.

È anche uno degli autori dei programmi: Superquark, Quark Speciale, e Viaggio nel cosmo per Rai 1: anche in questo caso, per Viaggio nel cosmo, tutti i suoi interventi nei principali siti di ricerca spaziale sono stati realizzati in inglese e francese per le vendite all’estero. Nel 1997 per Superquark è stato il primo con la sua troupe[senza fonte] ad entrare (subito dopo la sua scoperta) e a realizzare un servizio televisivo nella più grande tomba egizia mai scavata (KV5, nella Valle dei re), opera voluta da Ramses II per i suoi figli e costituita da 130 tra stanze e corridoi. Nel '98, sempre per lo stesso programma, durante una permanenza in Antartide per la realizzazione di alcuni servizi televisivi si è trovato assieme alla troupe a filmare a settanta gradi sotto lo zero. Ancora prima, per una trasmissione "Viaggio nel cosmo" del 1996 dedicata all'esplorazione spaziale, ha realizzato un servizio "galleggiando" nell'aria in condizioni di assenza di gravità simulata, viaggiando a bordo di un A300 utilizzato dagli astronauti europei per addestrarsi (il volo ha creato ben 30 volte di seguito queste condizioni sorvolando l'Atlantico).

È inoltre l'autore e conduttore del programma Passaggio a Nord Ovest, su Rai 1. Ancora nel 1998 è stato il commentatore sul campo della versione italiana della serie di documentari Big Cat Diary dedicata ai grandi felini africani, realizzata in coproduzione tra la Rai e la BBC e girata interamente nella riserva di Masai Mara, in Kenya.

In questo settore ha avuto anche un'esperienza come "voce narrante", quando per il Museo di Storia Naturale di New York ha prestato la sua voce per la versione italiana di un filmato realizzato con tecnologie di realtà virtuale e dedicato all'esplorazione dell'universo. Per la versione inglese di questo filmato, proiettato quotidianamente nel Museo, hanno prestato la voce personaggi fra i quali Tom Hanks, Harrison Ford, Jodie Foster e Liam Neeson.

È il conduttore e assieme al padre anche l'autore del suo programma, Ulisse - Il piacere della scoperta, in onda dal 2000 su Rai 3, la cui prima edizione ha vinto il Premio Flaiano per la televisione.

Nel 2002, mentre si trovava nel deserto del Sahara ai confini tra l’Algeria e il Niger, per realizzare una puntata di Ulisse - Il piacere della scoperta, è stato vittima di un sequestro, assieme alla troupe, da parte di ribelli. Il sequestro si è concluso con la loro liberazione.[6]

Per la satira televisiva, è stato oggetto dell'imitazione da parte di Neri Marcorè nella trasmissione L'ottavo nano. Angela ha gradito al punto l'imitazione di Marcorè da aver preso parte ad uno degli sketch del comico.

Il 15 gennaio 2014 si è tenuto un incontro presso la Feltrinelli di Milano in cui Alberto Angela presentava ‘Viaggio nella Cappella Sistina’, la nuova fatica letteraria incentrata su un percorso entusiasmante, con 150 tavole illustrate, uno dei più famosi tesori dell’arte italiana.

Scritti

Nel 1988 ha pubblicato un saggio sulle nuove tecniche d'interattività nei musei scientifici, intitolato Musei (e mostre) a misura d'uomo. Come comunicare attraverso gli oggetti.

Assieme al padre ha scritto vari libri di divulgazione scientifica: La straordinaria storia dell'uomo (Mondadori, 1989), La straordinaria storia della vita sulla Terra (Mondadori, 1992), Il Pianeta dei Dinosauri (Mondadori, 1993), Dentro al Mediterraneo (Mondadori, 1995), La straordinaria storia di una vita che nasce. Nove mesi nel ventre materno (RAI-Eri-Mondadori, 1996), Squali (Mondadori, 1997), Viaggio nel Cosmo (Mondadori, 1998), Mostri marini (Mondadori, 2001). Gli ultimi suoi libri sono Una giornata nell’Antica Roma. Vita quotidiana, segreti e curiosità (Milano, 2007), Impero (A. Mondadori, 2010) e Amore e sesso nell'antica Roma (A. Mondadori, 2012).

Giornalista pubblicista, ha collaborato con vari quotidiani e periodici, tra i quali La Stampa, Airone, Epoca, La Voce di Indro Montanelli.

Premi e riconoscimenti

È membro dell'Istituto Italiano di Paleontologia Umana, a Roma, e del Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia.

Nel 2008 ha vinto il "Premio Cimitile" con Una giornata nell'antica Roma (Mondadori), miglior opera di saggistica.

La sua trasmissione Ulisse - Il piacere della scoperta ha vinto, oltre al "Premio Flaiano", anche il "Guidarello d’oro" e il "Premio Fregene".

Il 24 settembre 2009 ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico Tutti a scuola 2009 al Quirinale. L'8 luglio 2010 è stato nominato accademico onorario della Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee, in virtù della sua esperienza nell'immersione subacquea, sport che pratica assiduamente insieme al nuoto e allo sci.[7]

Gli è stato dedicato un asteroide, 80652 Albertoangela.[8]

Gli è stata inoltre dedicata anche una rarissima specie marina (Prunum Albertoangelai) dei mari della Colombia.

Per la sua attività di divulgazione della Storia ha ricevuto il prestigioso premio internazionale "Portico d’oro-Jacques Le Goff"[9]

Il 26 settembre 2011 è stato nominato nuovo “Goodwill Ambassador” di Unicef Italia[10]

PROFUMO DI RECENSIONE

Questo romanzo ti prende e ti porta in un piacevole viaggio alla scoperta non solo dei costumi e del modo di vivere degli antichi romani ma di tutte le loro caratteristiche e peculiarità.

E' molto di più di un manuale storico perchè si fa gustare in ogni aneddoto lasciando trasparire un mondo per nulla diverso dal nostro con gli stessi vizi e le stesse mancanze.

Una lettura scorrevole e coinvolgente che ben si adatta anche ad un pubblico giovane.

Vi si ritrovano tantissimi personaggi, luoghi comuni, modi di fare e tantissime cose che in genere i libri propriamente storici omettono.

Insomma un manualetto da gustare per capire quanto siamo effettivamente eredi di questa civiltà che merita tutta la nostra attenzione.

Il mio profumo di recensione termina qui attendo le vostre impressioni, riflessioni e critiche perchè no.

Grazie a tutti.

A presto.

Una giornata nell'antica Roma

Commenta il post

giusy 01/17/2014 11:12

Seguo Alberto Angela da quando ha preso il testimone dal tanto amato papà Piero! Sinceramente li ho sempre e solo seguiti in tv affascinata dalle loro spiegazioni nei vari documentari ma non ho mai letto un libro. Certo che se è scritto come parla ....dev'essere effettivamente un piacere leggerlo!

Simona 01/16/2014 22:26

Non ho molto tempo per leggere, anche se non ti nascondo che mi piacerebbe leggere qualcosa della nostra cara Roma, e soprattutto scritto da un autore anche a me molto simpatico. Vedrò di trovare un piccolo stracio di tempo anche per leggere poche pagine al giorno.

mini nuni 01/16/2014 22:08

che dire.... mi perdo a leggere tutte queste belle cose. non mi perderò questo manuale
xoxo Mini Nuni

Megghy 01/16/2014 21:55

Lo ammiro molto in Tv ma confesso che non ho avuto ancora l'occasione di leggere qualche suo libro,mi riprometto di farlo ^_^

Eliana 01/16/2014 20:43

Beh... Con me sfondi una porta aperta! Io sono una grandissima ammiratrice di Alberto Angela, e ho comprato tutti i suoi libri dedicati alla vita nell'antica Roma (e a Natale mi sono anche fatta regalare il suo nuovo libro che parla della Cappella Sistina, insomma, non mi perdo un suo libro! ). Amo molto il modo il modo di scrivere di Alberto Angela, con il suo linguaggio semplice e chiaro e con i suoi aneddoti riesce letteralmente a "rapire" il lettore, e io stessa leggendo questo libro ho spesso avuto quasi la sensazione di trovarmi (come il protagonista) a passeggiare per le strade di Roma Antica!