Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

L'ombra del coyote

Pubblicato su da Lucia Collo

L'ombra del coyote

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con L'ombra del coyote (The Last Coyote), il quarto romanzo di Michael Connelly con protagonista il detective Harry Bosch, edito nel 1995.

TRAMA tratta da wikipedia

Harry Bosch, detective della Polizia di Los Angeles, è stato sospeso per aver messo le mani addosso ad un superiore. Ora ha il tempo, con l'aiuto di una psichiatra, di mettere ordine nella sua vita. Cercherà di far luce sull'omicidio della madre, prostituta, avvenuto quando era ancora bambino. Senza paura di schiacciare i piedi al potente di turno, l'impavido detective attraverserà tutti gli States pur di arrivare a scoprire la tragica verità. E così lontano da casa, forse, trova anche l'amore.

MICHAEL CONNELLY biografia tratta da wikipedia

Michael Connelly (Filadelfia, 21 luglio 1956) è uno scrittore statunitense di thriller: i suoi libri sono stati tradotti in 35 lingue diverse.

È stato presidente del Mystery Writers of America dal 2003 al 2004.

Laureatosi in ingegneria nel 1980 comincia a lavorare presso la redazione di alcuni giornali a Daytona Beach e Fort Lauderdale (Florida) dedicandosi principalmente alla cronaca nera. Nel 1986 produce un reportage insieme ad altri due giornalisti intervistando i sopravvissuti di un disastro aereo. Il loro lavoro viene candidato per il Premio Pulitzer. In seguito a questa esperienza, Connelly trova impiego come giornalista criminologo al Los Angeles Times. Aveva deciso di diventare scrittore di thriller già ai tempi dell'università dopo avere scoperto i romanzi di Raymond Chandler; in particolare fu affascinato dal film Il lungo addio di Robert Altman film tratto dall'omonimo romanzo di Chandler. Da qui, quindi, nasce un'accurata lettura dell'opera letteraria dello scrittore, che vede come protagonista Philip Marlowe, detective di Los Angeles tra gli anni '40 e '50. Da questo momento quindi la decisione di interessarsi sempre più a fatti di cronaca: sfrutta infatti gli anni passati da giornalista per studiare da vicino il lavoro della polizia e lo svilupparsi delle indagini che seguivano i delitti di cui si occupava.

La maggior parte dei suoi libri riguarda le indagini di un detective del Dipartimento di Polizia di Los Angeles, Hieronymus "Harry" Bosch: il suo nome è lo stesso del famoso pittore olandese, dal quale la madre del detective era affascinata. Anche a detta dello stesso Connelly, Bosch condivide con l'autore diversi tratti del proprio carattere. Nel succedersi dei numerosi romanzi, il detective Bosch deve spesso combattere anche contro l'ostilità presente all'interno del suo stesso Dipartimento: una volta andato in pensione, lavorerà su diversi casi come detective privato, per poi tornare in Dipartimento per risolvere i cosiddetti cold case ("casi irrisolti" in italiano).

Connelly è particolarmente attento a far emergere l'evoluzione psicologica del suo protagonista, al di là degli stereotipi narrativi del genere hard boiled. Molti dei libri di Connelly sono ambientati a Los Angeles.

In Italia i suoi libri sono editi da Piemme.

Dal libro Debito di sangue è stato tratto l'omonimo film diretto da Clint Eastwood. Con molta ironia lo scrittore, in un romanzo successivo, Il ragno, ha fatto commentare causticamente il film ai suoi stessi personaggi, in un piacevole intreccio tra realtà e finzione.

PROFUMO DI RECENSIONE

Questo romanzo è accattivante fin dalle sue prime battute.

Il suo personaggio così forte e rude incarna l'uomo di un tempo tutto d'un pezzo, ligio nel lavoro e perspicace: il detective che tutti vorremmo trovare sul nostro cammino per la su lealtà e il suo sesto senso.

Come un coyote vicino all'estinzione e per certi versi unico.

Eppure il suo carattere per nulla diplomatico urta con la sua stessa area di lavoro e questo crea un effetto domino che si estende nella vita pubblica e privata.

Costretto a stare in riposo per aver aggredito il suo capo, l'agente scopre delle pecche e delle lacune in un vecchio caso, cui è particolarmente legato perché riguarda l'assassinio della madre.

Nonostante non possa fare indagini, si mette all'opera per svelare e sciogliere nodi che un bravo detective non avrebber dovuto lasciare passare sotto gamba.

Da qui inizierà colloqui e intervisterà persone ritenute coinvolte con l'aiuto della psicologa della polizia che saprà condurlo per mano, fino ad arrivare alla conclusione.

Vedrà le persone imputate e implicate nel delitto ricevere in qualche modo una punizione per scoprire alla fine, che l'assassino era la persona che meno ti saresti aspettato.

Viaggia lungo tutto il corso delle pagine, un bell'intreccio di personaggi ed eventi su cui primeggia sempre il protagonista.

Insomma una lettura estremamente interessante che vi consiglio.

Avrei da dire molte altre cose ma vi toglierei il piacere di scoprirle da voi.

Come sempre aspetto domande, consigli e impressioni.

Alla prossima.

L'ombra del coyote

Commenta il post

anna cascino 05/14/2014 16:37

Conosco bene quest'autore e questo libro trattato in modo eccellente

Simona 05/14/2014 16:22

Amo molto leggere ma difficilmente leggo romanzi. Questo titolo mi è nuovo ma la trama mi incuriosisce molto, lo leggerò volentieri.

Rita Amico 05/14/2014 16:05

Michael Connelly è una garanzia, i suoi romanzi sono sempre avvincenti e hanno una trama sofisticata, nonostante personalmente non sia un'estimatrice del genere

Rosy Eurocontest 05/14/2014 12:14

Amo molto leggere ma questo romanzo ancora non lo conoscevo, cmq, il genere si addice ai preferiti da mio marito, lo cercherò per regalarglielo, sicuramente sarà un regalo azzeccato, grazie della bella recensione!

simona 05/14/2014 10:41

non ho mai avuto l'occasione di leggere libri di questo autore , sinceramente la tua recensione mi ha incuriosita e mi informo grazie