Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Cinderella man- Una ragione per lottare

Pubblicato su da Lucia Collo

Cinderella man- Una ragione per lottare

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con Cinderella Man - Una ragione per lottare (Cinderella Man) un film del 2005 diretto da Ron Howard, e ispirato alla vera storia dell'ex campione dei pesi massimi James J. Braddock, che aveva questo soprannome.

TRAMA tratta da wikipedia

Braddock è un giovane irlandese cresciuto nelle strade. È una promessa della boxe nella categoria dei massimi leggeri ma si trova costretto a smettere dopo aver perso numerosi incontri ed essersi fratturato più volte la mano destra. Nel periodo in cui gli Stati Uniti attraversano la Grande depressione, Braddock svolge diversi lavori di fatica, specie come portuale, per mantenere la sua famiglia, ma sogna ancora di tornare alla boxe ad alto livello. Grazie alla cancellazione all'ultimo minuto dell'impegno di un altro pugile, Braddock ha una seconda possibilità per combattere ma si trova ad affrontare il numero due al mondo e viene considerato solo come un allenamento. Braddock stupisce gli esperti del pugilato e i fans mettendo al tappeto alla terza ripresa il suo eccellente avversario. Braddock continua a vincere e in breve tempo viene a rappresentare le speranze e le aspirazioni del pubblico americano alle prese con la Depressione. Soprannominato "Cinderella Man" ("il Cenerentolo"), in una delle più grandi sorprese della storia del pugilato riesce a sconfiggere l'arrogante Max Baer e a divenire il campione mondiale dei pesi massimi.

RUSSELL CROWE biografia tratta da wikipedia

Dopo aver partecipato a numerose serie tv e soap opera come Neighbours, ottiene la parte di protagonista in alcuni film australiani tra cui Skinheads, nel 1992, per il quale ottiene il premio come miglior attore protagonista dall'Australian Film Institute, e considerato il suo vero esordio cinematografico, oltre che suo primo film importante. Skinheads ebbe un notevole successo di critica. Sharon Stone, in veste di produttrice e protagonista del western Pronti a morire lo chiama per interpretare una parte in questo film. Nonostante il cast composto da stelle del cinema (oltre alla Stone e Crowe, Gene Hackman, Leonardo DiCaprio e la regia di Sam Raimi) il film si rivela un insuccesso sia dal punto di vista del botteghino che da quello della critica. Seguono altri insuccessi fin quando, nel 1997, l'interpretazione dell'agente Bud White in L.A. Confidential lo lancia tra le stelle di Hollywood.

Dopo aver interpretato John Biebe accanto a Burt Reynolds in Mistery, Alaska, da qui in avanti Crowe ottiene grandi consensi. Il primo è per Insider - Dietro la verità di Michael Mann (1999), nel quale interpreta il dottor Jeffrey Wigand; qui Crowe viene candidato sia al premio Golden Globe che all'oscar come miglior attore protagonista, ma risulta battuto prima da Denzel Washington (in Hurricane - Il grido dell'innocenza) poi da Kevin Spacey (per American Beauty). Ma è l'anno dopo che la vera fama travolge l'attore, quando interpreta Massimo Decimo Meridio ne Il gladiatore di Ridley Scott del 2000 (da qui comincerà quel sodalizio col regista che dura tutt'oggi), grazie al quale vince l'Oscar al miglior attore.

Nel tempo libero, Russell Crowe è anche un apprezzato cantante, e con la sua band si è esibito, tra l'altro, al Festival di Sanremo 2001. Nel 2010 si è esibito in Piazza di Spagna, a Roma, assieme agli attori co-protagonisti di Robin Hood i quali, a loro volta, fanno parte di una band scozzese chiamata Saor Patrol, il cui leader è Charlie Allan (tra l'altro grande amico di Crowe).

L'anno successivo è nel film di Ron Howard A Beautiful Mind: qui Crowe interpreta un ruolo diverso da quelli in cui il pubblico è abituato a vederlo con il professore di matematica John Nash, affetto da una grave forma di schizofrenia. Per la sua interpretazione, Crowe conquista il Golden Globe e il BAFTA Award come miglior attore protagonista, arrivando perciò la notte degli oscar super favorito; tuttavia i giurati dell'Academy gli preferiscono Denzel Washington per Training Day.

A questo punto si prende una piccola pausa e torna sullo schermo due anni dopo nel nuovo film di Peter Weir: Master & Commander - Sfida ai confini del mare, un film di avventura, storico, drammatico e di guerra dove Crowe interpreta il capitano Jack Aubrey e viene nominato ai Golden Globe. Due anni dopo, nel 2005, è protagonista di Cinderella Man di Ron Howard; qui riceve la sua quinta candidatura ai Golden Globe. Poi nel 2006 è protagonista di Un'ottima annata di Ridley Scott.

Nel 2007 è protagonista con Christian Bale del remake del film Quel treno per Yuma e con Denzel Washington in American Gangster di Ridley Scott. Poi interpreta Nessuna verità, nuovamente di Ridley Scott, dove Crowe interpreta un boss della CIA; stavolta divide lo schermo con Leonardo DiCaprio. Nel 2009 è tra i protagonisti, assieme a Ben Affleck, Rachel McAdams e Helen Mirren, del thriller politico State of Play, mentre nel 2010 torna ancora una volta a collaborare con Ridley Scott in Robin Hood.

Russell Crowe è stato voce narrante nel film documentario Bra Boys, scritto e diretto da Sunny Abberton (2007).

Nel 2012 si sono svolte le riprese dell'adattamento cinematografico del racconto biblico del diluvio universale, progetto del regista Darren Aronofsky, dove Crowe interpreta il protagonista principale Noè. L'uscita del colossal biblico, intitolato Noah e prodotto da Paramount Pictures e New Regency Productions, è avvenuta nella primavera del 2014.[2][3]

Nel 2013 interpreta Jor-El, padre di Superman, interpretato da Henry Cavill, nel film L'uomo d'acciaio.[4] Il film è stato diretto da Zack Snyder e nel cast sono presenti anche Amy Adams, Kevin Costner e Diane Lane. L'anno successivo prende parte al film Storia d'inverno accanto a Colin Farrell.

PROFUMO DI RECENSIONE

Nonostante questo film sia poco conosciuto e abbia un titolo che, per certi versi disorienta, merita la visione.

Oltre a fotografare uno squarcio di vita reale e difficile ( gli anni della Depressione) che si affianca per molti tratti alla nostra situazione attuale, racconta la storia di un uomo, che ha fatto del suo sogno, realtà.

Lottando contro molte avversità, contro la povertà e contro la fame, il protagonista, riesce a condurre non solo la sua famiglia ma, l'intera comunità alla rivincita.

Ecco diviene il punto di riferimento, un boxer gentile, dotato di grande cuore e di profondi sentimenti, da qui il suo soprannome ( Cinderella).

Un uomo di principio che crede nella parola data, e che fa l'elemosina per poter riportare a casa i suoi figli, un uomo che si sforza di lavorare anche con una mano ingessata e che combatte un avversario duro e pericoloso che spesso porta alla morte.

Un film, direi catartico, che ci conduce a vivere i dolori, e le sofferenze del protagonista ma anche le sue vittorie e le sue speranze.

Una pellicola che ruota intorno alla famiglia, ai suoi legami ma anche al mondo della boxe con le sue regole e i suoi avventori.

Non posso che conisgliarlo anzi vi dico di più, credo sia una pellicola emozionante da gustarsi con la famiglia per capire che l'amore e la passione possono ogni cosa.

Avrei da dire molte altre cose ma lascio a voi il piacere di scoprirle.

Come sempre attendo i vostri commenti, suggerimenti e domande.

Lasciatemi un segno del vostro passaggio e alla prossima.

Cinderella man- Una ragione per lottare

Commenta il post

manuela salmastri 07/07/2014 19:06

bel film davvero. Io lo amo. come amo russell crowe

maria crisci 07/05/2014 22:15

Ciao cara, anch'io ho avuto modo di vedere cinderella man, mi ha emozionata tantissimo sia per la storia che per la splendida interpretazione degli attori. Quindi concordo con te sul fatto che merita di essere visto.

francesca 07/05/2014 16:16

russel crow mi piace molto come attore e non ti nego di vedere ogni film in cui recita, questo ovviamente l'ho visto più volte.. è il preferito del mio ragazzo sono valori che condivide

mary pacileo 07/05/2014 09:47

deve essere davvero bello questo nuovo film, ideale per tutta la famiglia, mi piace tanto l'attore

Rocco 07/05/2014 05:54

mi manca questo film, è uno dei pochi con protagonista Russell Crowe che non ho ancora guardato, nonostante sia un attore che apprezzo moltissimo, alcuni suoi film sono veri e propri capolavori, come A Beautiful Mind, LA Confidentiale e Il Gladiatore, rimedierò sicuramente dopo la tua recensione